Milan e Inter, in azzurro solo delusioni

Bonucci confuso, a Torino
Bonucci confuso, a Torino
- 28433 letture

L'umiliante pareggio di ieri tra Italia e Macedonia ha ricevuto uno scarso apporto numerico da parte delle due milanesi: con D'Ambrosio, Candreva, Eder e Donnarumma rimasti in panca per 90', Inter e Milan sono state rappresentate in azzurro dai soli Bonucci e Gagliardini, entrambi titolari nella gara di Torino ma pronti a tornare avversari, posti l'uno contro l'altro, nell'ormai prossimo derby della Madonnina.  Leo era un protagonista atteso, anche grazie al suo ritorno al centro della mitica BBC, ma è riuscito solo a confermare il suo non felicissimo momento di forma: lanci sempre imprecisi (con le aperture da dietro non ha più confidenza, ma si ostina a provarci), un erroraccio che rischia di mandare in porta Nestorovski e una rincorsa a vuoto su Trajkovski. Ventura lo bacchetta per almeno tre lanci lunghi fuori campo. Male, pur considerando la scarsa serenità con la quale sta giocando. Gagliardini, in mezzo al campo, è andato anche peggio, se possibile: il terreno di gioco imperfetto non lo agevola di certo, ma lui ci mette molto del suo. Corre e si spende parecchio, ma sembra un giocatore del tutto involuto, rispetto alla bella sorpresa della scorsa stagione (qualcuno insinua, su Twitter, che stia giocando "il suo gemello scarso"). In coppia con Parolo, non è in grado di contribuire alla causa azzurra, né con la quantità né con la qualità, entrambe assenti, contro la Macedonia. Un'opportunità importante non sfruttata dal centrocampista nerazzurro, spesso finito dietro Vecino, nelle gerarchie di Spalletti.  Resta la gara -decisiva- contro l'Albania, ma la Nazionale di Ventura rischia di restituire interisti e milanisti stanchi e depressi, al derby che tutti, in città, stanno aspettando con tanta trepidazione.

(Fonte foto: account Twitter ufficiale FIGC)

Stefano Piazza